Lo spleen in riva all’Adriatico

Dopo avere debuttato a Montefiore Conca la mostra “Al mare” si trasferisce, a partire da domani e fino al 3 luglio, nell’incantevole città medioevale di Gradara. Nella sede dello storico palazzo Rubini Vesin sarà possibile leggere e ammirare le poesie del professor Giuseppe Vanni, poeta locale per diletto e per passione. Ogni poesia è accompagnata dalle immagini rivelatrici dei fotografi Gabriele Nastro e Stefano Michele e dalla grafica di Valerio Denicolò. Immagini e parole per raccontare il rapporto atavico e ancestrale con il mare, un elemento che, per coloro che sono nati e cresciuti in Riviera, è allo stesso tempo compagno di viaggio e cornice inquietante e silenziosa dell’esistenza.
Il tema che permea tutta l’opera è la paura dell’abbandono, sensazione che assale sempre quando si contempla la spiaggia abbandonata e triste dopo i bagordi dell’estate vacanziera. E’ allora che si avverte, fredda come una lama, la solitudine malinconica dell’autunno, il senso di vuoto provocato da quell’ esuberante vitalità che ti esalta e si consuma nell’arco di soli tre mesi, al termine dei quali rimane solo il rimpianto, dopo averla accarezzata, di non essere stati capaci di cogliere la scintilla eterna della vita.

This entry was posted in Attualità, Scrittori and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *