Natale in Umbria: brodo de cappone e cappelletti

I cappelletti di Lucia CucciolottiPe falli ce vole, ‘ntanto, olio e burro. Ce se cociono n’etto e mezzo de carne  de maiale magra e n’etto de petto de pollo. Se macina sta roba co n’etto de progiutto crudo e mezz’etto de mortadella. S’armacina perche’ piu’ fina e’, e mejo e’, e pu ce se mette n’etto de parmigiano grattato, ‘ n’ovo, ‘ l’sale, ‘na macinatina de pepe e noce moscata.  Se mette da ‘na parte.
‘Ntanto ‘mpastate quattr’etti de farina co 4 ovi e fatece, nto la spianatora, ‘na bella sfoja fina. Tajatela a quadri larghi 4-5centimetri, mettetece su ognuno ‘n pizzico de composto e pu chiudete a triangolo. Adesso appiccicate du punte del triangolo e ciavete ‘l cappelletto.
Buttateli ntol brodo bono e … Nun li state a conta’ ‘ntanto che magnate.

Seguendo la ricetta (che troviamo vivacemente scritta in “L’Umbria in bocca”) ho preparato i Miei Cappelleti di Natale illustrati nella foto: che dire, sono belli e Buonissimi!

Che emozione : )

This entry was posted in attualità, Food & wine, Tempo libero and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to Natale in Umbria: brodo de cappone e cappelletti

  1. laura says:

    sò bèlli davero!!!!! quelli c’ho fatt’io ‘nconfronto sò parecchio sgorbi….xò la ricetta l’ho seguita……e nù lì conto de sicuro quando li magno!!!!!
    Bòn Natale o Lù.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *