RESPIRARE

-   Diceva Olt olto olto…

-   Che vuol dire?

-   Non lo so, era nel sonno, forse voleva dire Molto, che le faceva male molto.

-   È strano, non parla da anni… vuoi partire?

-   Vorrei.

-   Tanto lo sai che non cambia niente.

-   Lo so.

-   E vuoi partire lo stesso.

-   Oggi me l’ha passata al telefono.

-   E che ti ha detto?

-   Niente, respirava.

-   Che t’è sembrato? Come respirava?

-   La gente non dovrebbe respirare così.

-   Molto brutto?

-   …

-   Però oggi non si lamentava, no?

-   No.

-   Da quant’è che non parla più?

-   Che non parlava più. Cinque anni, circa.

-   …

-   …

-   Quando hai detto che vuoi andare?

-   Domani. Dopodomani.

-   Mh, la chiamiamo adesso?

-   Che ore sono?

-   Le sette e dieci.

-   Starà dormendo.

-   Non fa niente, diciamo a Mumina di avvicinarle il telefono, la sentiamo respirare.

-   Sì, ho voglia di sentirla respirare.

-   Sì, chiamiamola.

 

FME

 

This entry was posted in racconti. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>