IL THRILLER DELLA DOMENICA III:CODE MOMENTUM

olga per blog
CODE MOMENTUM
Scatenata e irresistibile torna Olga Kurylenko in una spy story dove l’azione prevale decisamente sull’intrigo che pure non è assente. Un peccato che il film non sia disponibile che nelle versioni inglese e francese, perché è un piccolo gioiello di spy story. Comincia come una ipertecnolgica rapina in una banca di Città del capo, in Sud Africa, poco utilizzata location del cinema d’azione degli ultimi anni e, in realtà, un ottimo scenario. Ma con i diamanti rubati da un sofisticato caveau la bella Alexis e i suoi complici rubano anche una chiavetta USB che compromette un senatore americano (Morgan Freeman in una insolita parte da nero ‘cattivo’) nell’organizzazione di un attentato che riporterà la guerra totale e, secondo i suoi piani, la presidenza nelle sue mani. Lo spunto è quello dei poteri forti che evocano minacce inesistenti per giustificarsi. Già visto, ma poco importa perché il nocciolo dell’azione è la fuga di Alexis che sembra troppo brava per essere una semplice ladra. Infatti è un’agente del Mossad usata anni prima dalla CIA in un’operazione finita malissimo e disconosciuta da tutti. Della banda resta solo lei con la preziosa chiavetta. Sulle sue tracce Washington (nome in codice, dieri) interpretato da John Purefoy che, dopo The Following, è diventato un cattivo manipolatore perfetto che non avremmo mai immaginato. Con una colorita squadra di killer (una donna, un nero sfregiato, un biondino sadico e un gigante) bracca Alexis. L’azione è fluida, perfettamente coreografata sia negli scontri a fuoco che in quelli corpo a corpo (acrobazie della nera, doppiata da una stunwoman coreana…veramente da antologia) tra alberghi, rioni malfamati e aeroporti. Alla fin…be’ i buoni vincono sempre ma questa volta ci poterebbe essere spazio per una seconda puntata…o più probabilmente, per la fantasia dello spettatore. In realtà doveva esser il pilot di una serie che poi non si è fatta. Un piccolo film ma con tutti gli elementi giusti per soddisfare l’appassionato.

This entry was posted in editoria. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *