Il tacco spezzato, AtelierEdizioni, 2013

polissenaCosa c’è di più noir della violenza? Come capite dal titolo si parla di violenza contro le donne. Uno dei tanti libri sul tema, direte. Il tema è quello, certo, e l’opera è stata voluta nell’ottica che più se ne parla, uomini e donne insieme, e più  (forse) troveremo il modo di lenire tante sofferenze e, forse, di evitare che l’irreparabile si ripeta con frequenza impressionante.

Ecco dunque la copertina di questo fragile libro che riporta la rappresentazione scultorea del ratto di Polissena, simbolo di violenza.

Quello che c’è di nuovo è la forma editoriale. L’opera è divisa in due parti, una giornalistica, “condotta con la tecnica delle interviste, dà voce a chi opera cpn uomini che hanno maltrattato donne ma anche a chi lavora con donne maltrattate. E così il “fenomeno” è letto da due dei punti di vista principali. Per proseguire, poi, con tre diversi livelli di responsabilità istituzionale, la pubblica amministrazione, il giornalismo, la magistratura”. (dalla prefazione del giornalista Mauro Banchini)

La seconda parte è composta da sei racconti, tre di uomini e tre di donne che affrontano il tema da un punto di vista letterario.

Mi auguro che la lettura di queste pagine costituisca lo spunto per una riflessione per capire e uscire dalla violenza,  insieme.

This entry was posted in DIBATTITI, LIBRI and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *