Stupore e curiosità

Ho letto con un misto di curiosità e stupore la diatriba aperta sul blog dei gialli Mondatori a proposito della pubblicazione del n. 3061 (Antologia “Carabinieri in giallo5”).

Stupore perché presumevo che i frequentatori del blog fossero a conoscenza del fatto che quell’antologia è frutto di un accordo fra la Mondatori e l’Arma dei carabinieri, che bandisce annualmente un concorso nazionale che prende lo stesso titolo dell’antologia. Si tratta quindi della pubblicazione dei racconti che hanno superato la selezione di una giuria di tutto rispetto. Va da sé che qualcuno dei racconti possa non piacere per i più svariati motivi, di stile e di contenuto, ma questo capita, a mio avviso, in tutte le antologie, anche quelle di un unico autore o di in pull di autori conosciuti dal pubblico dei lettori.

Circa il fatto che gli autori siano sconosciuti ai lettori/commentatori del blog, non vuol dire che lo siano in assoluto o che necessariamente scrivano male. Inoltre, il supposto abbassamento della qualità della collana dei Gialli a seguito di “inquinamento” da parte di sconosciuti mi pare ingeneroso nei confronti di una casa editrice che ha sì una lunga tradizione da mantenere, ma che deve essere attenta a quello che succede in giro per l’Italia.

La vita e quindi anche la letteratura, vanno avanti. Ed è proprio sulla base di questa banale constatazione che entra in ballo la curiosità nei confronti di nuovi autori o comunque di autori contemporanei. Senza considerare, poi, che all’inizio tutti sono stati degli emeriti sconosciuti e che talvolta la prima pubblicazione è arrivata dopo un iter a volte lungo e  faticoso. 

A questo si aggiunga che i lettori italiani tradizionalmente sono forse meno attenti alla produzione nazionale del giallo/noir di quanto lo siano nei confronti di autori stranieri. L’esterofilia incombe anche sul versante del giallo: se alcuni autori di casa nostra hanno molti più lettori all’estero che in Italia. Qualcosa vorrà dire.

 

This entry was posted in DIBATTITI, LIBRI, RACCONTI and tagged , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *