I buoni lo sognano i cattivi lo fanno – Robert Simon

“Non c’è niente di più facile che condannare un malvagio, niente di più difficile che capirlo.” Questa frase di Dostoevskij in calce a uno dei capitoli del libro può essere considerata la traccia del saggio scritto dallo psichiatra americano Robert Simon e pubblicato da Raffaello Cortina Editore: entrare nella mente di coloro che compiono atti criminali per comprendere il percorso evolutivo che li ha portati a infrangere quel limite, invalicabile ai più, rappresentato dal rispetto delle regole della civiltà e della legalità. Secondo l’autore, infatti, i pensieri di odio, sfruttamento, crudeltà, dominio e violenza che albergano nella psiche degli assassini seriali o di coloro che, in preda a un raptus di follia, decidono di sterminare i colleghi di lavoro, i vicini di casa o addirittura i propri familiari sono comuni a molte persone che covano in silenzio tali impulsi senza mai osare metterli in pratica, grazie a meccanismi di autodifesa che ne impediscono la realizzazione concreta.
Il metodo proposto dall’autore per addentrarsi nei labirinti mentali dei “cattivi” è quello dell’empatia, cioè dell’immedesimazione nelle fantasie e nell’immaginazione degli psicopatici criminali, un metodo che ci mostra sorprendentemente come spesso i “buoni” abbiano fantasie analoghe a quelle di chi delinque, cioè sognino di fare ciò che i “cattivi” sovente mettono in pratica. La differenza consiste solo nel grado di intensità delle fantasie, che nel caso di coloro che commettono atti criminali raggiunge una tale veemenza da rendere impossibile al soggetto sottrarsi alla loro attuazione. Pertanto la tesi di Robert Simon è che le persone “cattive” possono apparire molto simili a noi nella vita quotidiana poiché la psicopatologia include anche i caratteri della normalità, così come, viceversa, la normalità, ovvero la salute mentale, include anche l’accettazione di una dose di malattia o di follia all’interno dei propri canoni di comportamento.
“La tesi che fra buoni e cattivi esista soltanto una distinzione sottile è difficile da accettare per molte persone. Per alcuni di coloro che si considerano buoni, l’idea stessa è infamante. Tuttavia, ritengo che la convinzione che noi siamo esseri buoni e che la malvagità esista soltanto all’esterno sia puramente illusoria, un’illusione che però alimenta il motore del pregiudizio e della discriminazione … Nel corso del libro cerco in svariati modi di trovare una risposta a un interrogativo difficile, se non impossibile: perché i cattivi fanno ciò che i buoni si limitano a sognare?… Il libro, infatti, si fonda sull’idea che, una volta che avremo riconosciuto come non esista un abisso a separare i “buoni” dai “cattivi”, saremo in grado di guardare adeguatamente dentro noi stessi, anziché all’esterno [perché] … i demoni dell’uomo prosperano nell’oscurità. Fare luce su di essi è certo un compito arduo. Tuttavia la quintessenza della natura umana è proprio la capacità di riflettere su noi stessi, di svelare e comprendere i nostri demoni, per imbrigliarli e utilizzarli in modo proficuo. I criminali non sanno farlo: sono incredibilmente carenti riguardo a capacità di autoriflessione e autocontrollo.”
Questo passaggio tratto dall’introduzione ci chiarisce definitivamente i motivi di questo lungo viaggio nell’inferno della mente umana, attraverso psicopatici, macchine assassine, stupratori, criminali dalla personalità multipla, guru religiosi che si fanno carnefici dei propri adepti, serial killer sessuali e impiegati ultra quarantenni ormai senza più motivazioni professionali che, in preda a un raptus di follia generato dall’angoscia della propria condizione, decidono di sterminare colleghi e datori di lavoro, spargendo attorno alla loro esistenza una spirale di sangue e di morte. L’autore introduce e svolge ogni tappa di questo percorso utilizzando numerosi esempi raccolti sia tra coloro che hanno commesso azioni sinistre, sia tra coloro che le hanno subite, vittime di una violenza tanto brutale quanto, all’apparenza, ingiustificata.
Uno dei capitoli più interessanti del libro è dedicato a quel genere di abusi messo in atto dai “professionisti dell’aiuto”, una categoria che comprende avvocati, ecclesiastici, insegnanti, medici, psicoterapeuti e tutti coloro che forniscono una prestazione di tipo assistenziale ai propri pazienti: un tipo di crimine particolarmente odioso perché sfrutta, e tradisce, il capitale di fiducia che ogni persona in difficoltà ripone nell’operatore a cui si rivolge per tentare di superare un momento di crisi. Purtroppo, chi mette la propria mente nelle mani di un professionista ha la tendenza ad abbassare la soglia di attenzione e di diffidenza che ognuno di noi prova di fronte ad un estraneo, finendo per trovarsi in una situazione di grande vulnerabilità psicologica. La conseguenza è che, a volte, coloro che cercano aiuto si trovano sospinti, senza accorgersene, in una condizione di dipendenza psicologica ai limiti della schiavitù, che può condurli fino alla disperazione e al suicidio.
Il fatto che questo tipo di abusi, che negli Stati Uniti pare siano molto frequenti, siano commessi da persone rispettabili, cioè regolarmente abilitati all’esercizio della loro professione, induce a riflettere su quanto potenti siano i demoni interiori che albergano in ogni individuo, se sono capaci di spingerlo a compiere atti criminali infamanti non appena le condizioni esterne lo consentono, e dimostra come i limiti imposti dalle regole della civiltà al comportamento umano siano molto più labili di quanto non appaiano nella realtà.

This entry was posted in Attualità, Libri, Psicanalisi and tagged , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *