Un pupetto per amico.

Pupetto, lo dice il nome stesso, è un bimbopiccolo: un soldo di cacio di un anno e poco più, figlio della Fra’ e di Fra’, che non sono la stessa persona ma due persone diverse col nome uguale. Pupetto, io non lo vedevo da un bel po’: da quando, alcuni mesi fa, lui e i due Fra’ erano tornati per qualche giorno a Palermo dal loro tedioso esilio nelle fredde terre del nord. Era, quella volta, scosso e confuso: un cucciolo di meno di un anno che aveva cambiato scenario di riferimento troppe volte nei suoi pochi mesi di vita. Era lacrimoso e poco incline al gioco: e la mia scarsa dimestichezza con i cuccioli bipedi non lo aveva aiutato a sentirsi più a suo agio. Lo avevo visto, ancor prima, a settembre, quando a Palermo c’era ancora molto caldo e lui indossava tutine sbracciate: si era svegliato di soprassalto in una casa che non conosceva – casa nostra – e non aveva affatto amato il pinguino fermaporte che gli avevo mostrato per indurlo a un sorriso.

Adesso, Pupetto è di nuovo un fanciullo del sud: e, forte dei suoi quattordici mesi di vita, è un ragazzino simpatico e brillante. Ha una serie di indubbi pregi: primo tra tutti, è un bambino incline alla gioia. Non urla, non lancia giocattoli a scopo offensivo, non piange per interi quarti d’ora, non è rinchiuso in un ostinato egocentrismo come la maggior parte dei mocciosi di quell’età; gli sono bastati pochi minuti per riprendere confidenza: è passato da lanciami-quella-pallina a lasciare che gli porgessi un biscotto – che si è guardato ben dal mangiare, contribuendo anche lui alla permanenza del mio strato di adipe. Abile suonatore di tastierine elettroniche, ballerino degno di un posto alla Scala, mi ha rincorsa correndo gattoni, ha dimostrato interesse per il mio orologio, ha cercato di guardare le foto di canenando sul telefonino. Quando gli ho chiesto il permesso per mordergli una guanciotta, ha scosso subito la testa con una punta di terrore negli occhietti luminosi. E poi ha fatto una cosa che non credevo che un nanetto come lui fosse in grado di concepire: mi ha fatto una carezza su una guancia; è stato un gesto, sicuramente mutuato dalla tenerezza della Fra’ per lui, che ho trovato struggente e buffo allo stesso tempo. È, pupetto, un bambino straordinariamente interattivo: e io, che mi intendo più di astrofisica che di bambini, non sapevo che a quest’età lo fossero: e sono rimasta molto stupita nel constatare che frasi come “Pupetto, vieni!” hanno un reale riscontro nello spazio – Pupetto, davvero, viene verso di te quando lo chiami. È anche, Pupetto, estremamente carino: e, bisogna dirlo, estremamente somigliante alla Fra’: quasi un piccolo Fra’, morbidoso e spupazzabile.

I Fra’ sono tornati da poco in Sicilia, e io ne sono stata molto contenta: e non solo per loro, che sono simpatici e divertenti e, ma soprattutto per Pupetto, che potrò sbirciare mentre cresce e diventa sempre più sereno, fiducioso e sicuro di sé.

In questi giorni di intenso lavoro, mangio spesso in ufficio: e riuscire a imbastire un pasto decente e non troppo calorico che possa essere portato da casa senza rischio di rovesciamento di condimenti non è semplicissimo; accantonata l’idea di orzo e cavoletti di bruxelles, la prossima volta tenterò l’accoppiata tra frittata di zucchine al forno e fettine di provola affumicata; aggiungendo un bocconcino di pane di rimacinato senza sesamo dovrebbe andar bene.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *