Leggere non ha mai fatto così bene

Lo scorso fine settimana, a Thiene, al kLit, il festival dei blog letterari, mi è capitato di parlare dei personaggi degli urban fantasy, che per me sono persone ordinarie che si trovano a compiere gesti straordinari. Oggi, a proposito di persone ordinarie e gesti straordinari, ho pensato di scrivere queste righe per segnalare un gesto straordinario, in questo difficile periodo in cui la terra continua a tremare, ma si cerca comunque di mettere le basi per una nuova vita. Come ho già avuto occasione di dire, il mio paese fa parte di quelli sull’epicentro del terremoto in Emilia, insieme ad altri della bassa. Il centro storico è distrutto, insieme ai capannoni di numerose ditte che danno lavoro ai cittadini.

È aperto un sito internet (www.terremotosanfelice.org), ma soprattutto un conto corrente (le cui coordinate sono pubblicate sul sito), gestito in assoluta trasparenza e i cui depositi serviranno unicamente alla ricostruzione post-terremoto. Carmelo Pecora, un collega scrittore, dopo una serata promozionale, ha devoluto l’intero ricavato della vendita dei suoi libri alla nostra causa, così come avevano fatto Gianluca Morozzi, Alessandro Berselli e altri colleghi.

Carmelo, che me l’ha segnalato a titolo privato, forse si arrabbierà perché diffondo la notizia, ma penso che possa essere da esempio a chi in questi giorni vuole aiutare, ma non sa come fare. Grazie, amici, perché leggere non ha mai fatto così bene.

This entry was posted in i libri degli altri, terremoto in emilia and tagged , , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to Leggere non ha mai fatto così bene

  1. Pingback: Scosse, scrittori per ricostruire | San Felice, vogliamo ripartire

  2. Pingback: [Aggiornamento] Tremare senza paura, l’e-book | San Felice, vogliamo ripartire

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *